Attendere prego...

Dati in sintesi

In questa sezione si riportano alcuni dati utili a restituire uno spaccato della musica che si ascolta e si produce nella scuola italiana.

Rassegna Musicale Nazionale
"LA MUSICA UNISCE LA SCUOLA"

Per la Settimana nazionale della musica a scuola 2020, l’INDIRE ha organizzato la XXXI edizione della Rassegna “La musica unisce la scuola” in modalità virtuale, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e il Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della musica per tutti gli studenti.
Ciò ha consentito di ampliare notevolmente la platea dei partecipanti e di raccogliere con successo una straordinaria mole di contributi musicali liberamente condivisi da scuole, studenti e famiglie, la cui partecipazione era aperta e facoltativa. Le scuole sono state informate dell’evento tramite nota ministeriale e la loro risposta è stata eccezionale: circa 3.000 contributi inviati in pochi giorni.
Il modello proposto ha incontrato ampio gradimento. In coerenza con le finalità della Rassegna, tutti i contributi ricevuti sono stati accolti e pubblicati, senza adottare cioè nessuno dei consueti metodi di selezione propri della ricerca scientifica: l’insieme non costituisce quindi un campione rappresentativo ma un patrimonio musicale di formidabile pregio, ricco e originale, sia in termini quantitativi che qualitativi. Se ne illustrano di seguito alcuni aspetti di sintesi relativi agli strumenti utilizzati, al genere musicale e agli autori dei brani presenti nei video inviati per partecipare alla rassegna. Per approfondimenti, si rinvia alla consultazione dell’apposito portale web lamusicaunisce.indire.it/ che offre uno spaccato di interesse per la conoscenza del fenomeno musicale in ambito educativo e pedagogico.
482
Istituti scolastici coinvolti
2802
N. totale video inviati
80
Strumenti musicali individuati
958
Autori citati

Utilizzo degli strumenti musicali

Per la realizzazione dei video e dei filmati sono stati usati strumenti musicali di ogni sorta, che coprono l’intera gamma dell’esistente: strumenti a corda, strumenti a fiato, strumenti a tastiera, strumenti a percussione, strumenti elettrici e digitali. Fra le tipologie più ricorrenti, primeggia senza alcun dubbio il pianoforte, che ha assorbito quasi il 24% del totale; seguito dalla chitarra classica (11,8%) e dal flauto (11,6%). A tale riguardo, sono da menzionare inoltre: il violino (7,3%), il clarinetto (5,8%) e la voce (5,5%). È da segnalare che tra le tipologie di strumento usate dagli studenti e i docenti nelle esibizioni musicali sono stati menzionati anche quelli connessi con le nuove tecnologie, come ad esempio i software, sebbene con una ricorrenza più sporadica.
Tale aspetto è da guardare con interesse anche in considerazione del fatto che, come documentato dalla letteratura scientifica e dalle ricerche di settore, l’educazione musicale può essere praticata nelle scuole anche con il fine di promuovere il miglioramento delle competenze informatiche e digitali, in una prospettiva multidisciplinare.

Percentuale di utilizzo degli strumenti nella scuola primaria, secondaria di primo grado e secondaria di secondo grado

Si riportano di seguiti alcuni dati di sintesi sul tipo di strumenti musicali usati nelle esibizioni ripartiti per livello scolastico. Come si evince dalla tabella, alcune scelte generali risultano comuni alle scuole dei diversi cicli di istruzione: ad esempio, il pianoforte si conferma uno strumento particolarmente apprezzato da tutti. In altri casi, invece, emergono delle differenze nelle scelte compiute che in parte possono essere influenzate anche dalla diversa età dei discenti. Si osservi, ad esempio, il dato sulla ricorrenza delle basi musicali: esso è più accentuato nelle scuole primarie, dove i bambini sono ai primi passi nell’apprendimento della musica, mentre nelle altre tipologie scolastiche presenta valori residuali.
Viceversa, l’uso dei software per la produzione musicale è ricorrente soprattutto nei contributi delle scuole secondarie di secondo grado, dove i ragazzi spesso hanno ormai sviluppato una certa dimestichezza con il digitale. Il flauto risulta più diffuso nelle scuole primarie e secondarie di primo grado rispetto a quanto accade invece nelle scuole secondarie di secondo grado.

Genere musicale

Nella scheda tecnica usata per l’inoltro dei contributi, sono state richieste anche alcune informazioni sugli autori dei brani musicali eseguiti nelle esibizioni. Perciò, è possibile osservare in linea generale quali scelte sono state compite dai partecipanti e quali sono stati gli autori più apprezzati e ricorrenti. Per approfondire tale aspetto, sono state svolte delle aggregazioni tematiche per genere musicale.


Genere musicali musicale suddiviso fra gli invii da parte degli studenti e degli istituti scolastici

Per quanto concerne il genere musicale dei contributi, è inoltre possibile osservare in che modo il dato muta in base alle tipologie dei partecipanti. Per le analisi sono state comparate le due tipologie di maggior peso: gli studenti (minori) e gli istituti scolastici.


Contributi inviati dagli studenti/famiglie e dagli istituti scolastici suddivisi per grado




Graduatoria autori

Si riportano di seguito alcuni risultati relativi agli autori dei brani musicali prescelti dai partecipanti, classificati tutti per genere musicale, tranne “musica di anonimi e autori vari ”.


Classica


Contemporanea


Jazz


Pop